L’origine del nome

I Greci chiamarono la loro colonia sull’isola Pithekoussai, nome dalla etimologia incerta. Secondo Senagora il nome deriverebbe da pithekos, scimmia, e alluderebbe al mito dei Cercopi, abitanti delle isole flegree trasformati da Zeus in cercopitechi. Plinio il Vecchio (Nat. Hist. 111, 6.82) fa invece derivare il nome da pythos, anfora, teoria suffragata da ritrovamenti archeologici che testimoniano la produzione greco-italica di ceramiche (e in particolare di anfore da vino) nell’isola e nel golfo di Napoli. In epoca romana l’isola divenne centro di attività commerciali e manifatturiere, che esistevano non solo in epoca greca a Pithecousae (località Mazzola sopra Lacco Ameno), ma anche a Carta Romana, presso l’isolotto del Castello, e l’insediamento prese il nome di Aenaria, derivabile da aenus, metallo, ma associata anche alla figura di Enea, che qui avrebbe fatto scalo. Virgilio la identificò con Arime, isola citata nell’Iliade (II, 783).

Le prime testimonianze del nome attuale dell’isola risalgono all’anno 812, in una lettera di Papa Leone III nella quale informa l’imperatore Carlo Magno di devastazioni occorse nell’area, chiamando l’isola Iscla maior «Ingressi sunt ipsi nefandissimi Mauri [...] in insulam, quae dicitur Iscla maiore, non longe a Neapolitana urbe». Alcuni studiosi, infine, ricollegano il termine alla parola di origine semitica I-schra, “isola nera” che in sé potrebbe anche essere accettabile se non fosse che dal punto di vista geologico l’isola per i suoi prodotti vulcanici appare soprattutto bianca. Peraltro la frequentazione fenicia dell’isola è archeologicamente documentata in epoca molto antica. Nella diffusione in Campania ed Etruria meridionale, fin dallVIII secolo a.C., di oggetti di produzione o ispirazione egiziana, «hanno certo parte i mercanti fenici installati a Ischia e poi frequentatori delle coste tirreniche».